Catania figghiozza do Patri Eternu

Che bedda Catania, Catania di notti

iu sentu ca u cori m'abbatti chiù forti

ndè strati, ndè chiazzi e intra i cuttigghi

Catania fà a matri e annaca i so figghi

poi l'alba d'argentu s'ammisca cò mari

Catania è a genti ca si usca u pani

ma quannu s'arrobba e si isunu i manu

Catania s'incazza e diventa vulcanu.

 

Catania è 'na pupa, capiddi castani,

labbra carnusi e l'occhi ruffiani

e quannu mi sapi luntanu du iorna

ca so vuci d'angilu mi rici torna

Catania umiliata, trattata cche peri

s'attrucca e si pettina pe' furasteri

e quannu c'ancontra du ziti filici

Catania romantica li binidici

 

Musica, c'è musica Catania abballa

restu ca vucca apetta a taliarla

chi bellu pettu chi formi, Catania ca non dormi

Musica, chi musica Catania sona

e si ndò menzu qualchedunu stona 

fa 'na battuta schirzusa, Catania è spiritusa.

 

Che bedda Catania, Catania di notti

cu attracca, cu vivi e cu fa cosi storti

Catania è pueti, finomeni e geni

gilusa picchì pi nuautri ci teni

Catania cò Suli macari ndo nvernu

Catania figghiozza do Patri Eternu

si porta a braccettu l'amicu liotru

fra uduri di chiummu, di zagari e citru

 

Musica, c'è musica Catania canta

tutti cò saccu sta passannu a Santa

varda Catania che lesta, cu l'abitu da festa.

Musica, chi musica Catania ardita

o stadiu soffri e vinci a so partita

stanca ci abbruciunu l'occhi, s'appinnica nde scogghi.

 

Catania da guerra, Catania urricata,

distrutta e pì setti voti rinata

non c'entrunu i sordi, non c'entra a furtuna

Catania ndo Munnu ci nnè sulu una

Catania figghiozza do Patri Eternuultima modifica: 2006-05-16T19:26:42+02:00da desperatesugar
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Catania figghiozza do Patri Eternu

Lascia un commento